Language and login selector start
lingua
Deutsch
English
Español
Français
Italiano
Language and login selector end

Mostra personali: Alimjan Jorobaev - Mirages of the Communism (terminata)

3 Ottobre 2012 fino al 26 Gennaio 2013
  Alimjan Jorobaev - Mirages of the Communism
Alimjan Jorobaev Mirages of the Communism
 
  Laura Bulian Gallery

LAURA BULIAN GALLERY
Via Montevideo 11
20144 Milano
Italia (mappa della città)

Inviare E-mail
tel +39 0248 - 00 89 83
www.laurabuliangallery.com


Tra i maggiori esponenti dell'arte dell'Asia Centrale, il fotografo kirghiso Alimjan Jorobaev apre la nuova stagione espositiva della Laura Bulian Gallery, con la sua prima personale italiana. Già presente alla Biennale di Istanbul del 2009 e a molte altre esposizioni internazionali, Alimjan Jorobaev (classe 1962) arriva in Italia con una mostra dal titolo Miraggi del Comunismo, curata da Marco Scotini. La fotografia di Jorobaev, dalla caduta del Socialismo in poi, raccoglie segni e tracce di storie contaminate, mixando sopravvivenze arcaiche con conflitti del presente, resti del comunismo con forme di neonazionalismo, ritorno delle identità religiose con nuove modalità di sopravvivenza.

Questo atlante dell'incongruo che Jorobaev colleziona e cattura, così come le narrative che ciascuna immagine fotografica riesce ad attivare, non sono altro che uno specchio fedele del passaggio dei tempi, dei continui mutamenti economico-politici nell'area centro asiatica. Si tratta, di fatto, del presente kirghiso: quello dove le più diverse forme di coesistenza sono diventate possibili. L'immagine di masse di uomini in preghiera rivolti verso la Mecca nella piazza centrale di Biskek, sotto la statua di Lenin ancora innalzata, così come il commercio illegale di sigarette West, prodotti alcolici e altra merce, sotto una vecchia jurta sono contraddizioni evidenti ma, allo stesso tempo, rappresentazioni potenti.

Una nota foto di Jorobaev del 1995 mostra un interno domestico come una natura morta in bianco e nero. Una cucina a gas a quattro fuochi in mezzo ad una cassettiera e a un frigorifero ricoperto con carta da parati ornamentale: al di sopra, una serie accatastata di stoviglie da lavare ricopre il piano di cottura. Sullo stesso piano poggia anche una tela capovolta con un ritratto ufficiale di Lenin: un chiaro riferimento all'89 e al tema dell'iconoclastia nel blocco orientale. Ma qui non si tratta dell'immagine consueta della statua scardinata dal suo piedistallo.
In maniera totalmente inedita, ciò su cui quest'immagine si interroga è il modo in cui le trame del simbolico attraversano il politico e il privato: spiate dove meno le si aspetta, nei segni muti, nei gesti comuni.
Ancora le relazioni di potere sono al centro di un'altra serie fotografica a colori del 2011 che si insinua all'interno del carcere di Moldovanovka. L'oggetto di questa ricerca è il gioco silenzioso di sguardi, di specchi e diaframmi che fanno sì che il soggetto fotografato non sia mai presente nello spazio occupato da colui che guarda. C'è tutta una distribuzione spaziale che differisce la sua entrata in scena: tanto il carceriere che il carcerato sono catturati ogni volta da un dispositivo che li inquadra. Latente, mai totalmente presente, il soggetto di queste foto (indipendentemente dal suo ruolo) è sempre l'oggetto di una sorveglianza normalizzata.

Ma che cosa sono i Miraggi del comunismo da cui prende titolo la mostra milanese, oltre ad essere una serie fotografica sviluppata da Jorobaev tra il 1995 e il 2005? Qual è qui il rapporto tra fenomeno ottico e realtà? Quello che infatti, il realismo fotografico di Alimjan Jorobaev mostra, non è la prospettiva socialista. È piuttosto il presente che ha fatto seguito al suo fallimento del '91. Dalla insurrezione civile del 2010, che riuscì a destituire il presidente Bakiyev, fino alla Riforma del sistema penitenziario della Repubblica Kirghisa, ogni fenomeno è indagato senza essere giudicato: esso è la semplice apparizione di un segno (non importa se nuovo o vecchio) in un contesto estraneo, inappropriato.
Un bianco e nero straordinario mostra la prospettiva all'infinito di un asse stradale asfaltato in mezzo ad una superficie ampia e vuota che ricorda la steppa. Di fianco a sinistra l'insegna isolata, in cemento e a caratteri cirillici, della parola COMUNISMO che possiamo leggere solo rovesciata. Il rapporto tra le parole e le cose (potremmo dire) è qui un miraggio: l'effetto della differente rifrazione dei raggi luminosi. L'orizzonte su cui l'immagine si apre è, di fatto, quello naturale e immenso della catena del Tien-Shan.

Alimjan Jorobaev è nato nel 1962, a Bishkek, Kyrgyzstan, dove vive.

Selezione principali mostre dal 2005 :
2012: Miraggi del Comunismo, a cura di Marco Scotini, Laura Bulian Gallery, Milano, Italia (solo show)
2011: VIII International Creative Laboratory Turksoy, Ust'-Kamenogorsk, Kazakhstan
2010: Distance 4635 - the life of the others, B'Art Contemporary, Bishkek, Kyrgyzstan - Kunstverein Rosenheim,
Bavaria, Germany
2009: XI International Istanbul Biennale, Istanbul, Turkey; East of Nowhere, Contemporary Art from Post-Soviet
Central Asia, Torino, Italia
2008: The Boom-boom, IV Bishkek International Exhibition of Contemporary Art, Bishkek, Kyrgyzstan; Dialogue with
the water, The United Nations, Kyrgyzstan
2007: Hazard area. Passage, III Bishkek International Exhibition of Contemporary Art, Bishkek, Kyrgyzstan
2005: 2nd Bishkek International Exhibition of Contemporary Art, Bishkek,Kyrgyzstan; Protecting of human dignity,
National Red Crescent Society, Kyrgyzstan; La Sindrome di Tamerlano: Arte e conflitti in Asia Centrale, Palazzo dei
Sette, Orvieto, Italy (cat. Skira)
Dal 1987 ha vinto premi speciali di fotografia in Russia, Giappone, Francia e Kyrgyzstan.

  • ArtFacts.Net- il tuo fornitore di servizi nel mondo dell'arte

    Sin dal 2001, ArtFacts.Net™ ha sviluppato un sofisticato database attraverso la collaborazione con gallerie, musei, fiere d’arte ed associazioni di galleristi nazionali ed internazionali.