Language and login selector start
lingua
Deutsch
English
Español
Français
Italiano
Language and login selector end

Una passeggiata all’Art Forum




Arfacts.Net stand hosting artworks from Alexa.Jansen.Galerie and sphn Galerie, photo by E. González


Non é mai facile ingerire così tante opere d’arte in una sola volta. Ci si ubriaca di colori, forme, materiali, media diversi ed idee (e qualche volta anche della loro stessa assenza). Dopo un baccanale come l’Art Forum é necessario innanzi tutto “digerire” e capire ciò a cui siamo stati abbandonati. Noi di Artfacts.Net siamo stati all’Art Forum e ciò che segue é quello che abbiamo “digerito” per voi.



















Disguises (from the video), 2001, Marius Mørch
courtesy Antonio Ferrara



La voce suadente di Elvis che canta “Can’t help falling in love”, uno dei suoi successi più acclamati, é la prima cosa che si sente entrando in uno dei padiglioni. Viene dallo stand della galleria italiana Antonio Ferrara, ed é la colonna sonora di un video di Marius Morch. L’artista norvegese ha creato, con spezzoni di film culto, quali “Accattone” di Pasolini (1961), “La notte dei morti viventi” di Romero (1968), “La casa” di Raimi (1983), “Dracula” di Browning (1931), (trasformandoli in) un video che funziona autonomamente. Una donna spaventata viene inseguita, picchiata e alla fine lasciata a se stessa. La tensione creata da queste immagini oscure, classiche immagini horror, si scontra magnificamente con quella più romantica della canzone di Elvis.













Citizen, 2000, Roy Arden
dvd loop for projection, courtesy Monte Clark Gallery



Ancora video. La galleria canadese Monte Clark Gallery ha presentato “Citizen”, un video di Roy Arden. L’artista canadese lavora abitualmente con l’idea di città. Qui ha filmato al rallentatore un giovane uomo che siede quasi del tutto immobile nel mezzo di una strada altamente trafficata. Le macchine gli sfrecciano accanto, raramente cambia posizione. Il senso di perdita, di disorientamento e di irrequietudine é schiacciante. La parigina Galerie Frank ha presentato un video di Charles Sandison. Per gli amanti dell’arte il lavoro di questo artista scozzese non é nuovo: già alla 49esima edizione della Biennale di Venezia, Sandison aveva presentato “Living room”, un’opera d’arte generata al computer. Tuttavia, la sua idea non ha perso per nulla il suo fascino.
Minimal é di più e per questo il minimalismo riesce a catturare più facilmente l’occhio affaticato di un visitatore. All’Art Forum due gallerie hanno presentato magnifiche linee minimaliste.











Untitled (bar) FS 2003, John M Armleder
photo by Waldemar Kremser, courtesy Galerie Anselm Dreher



La prima, la galleria tedesca Anselm Dreher, ha esposto una scultura di John M. Armleder. L’artista svizzero ha installato un bar fatto di alluminio, acciaio e luci al neon, il tutto in colori classici (nero, bianco e rosso). Come la stessa galleria ha affermato nel comunicato stampa pubblicato per la fiera, “un bar, come idea di comunicazione e stile di vita, ma allo stesso tempo quale riferimento ai famosi quadri di Edward Hopper”. La seconda é la galleria londinese Rocket Gallery, che ha esposto opere di Lars Wolter e Cedric Christie. Lars Wolter, artista tedesco di Düsseldorf, ha presentato “Barcode wall painting”, il nome dice già quasi tutto.











Untitled 2002, Cedric Christie,
courtesy Rocket Gallery



Per quel che riguarda lo scultore inglese Cedric Christie, se non ci fosse stato raccontato dallo stesso gallerista non ci avremmo creduto. Come uno dei protagonisti del famoso romanzo di Tom Robbins “Coscine di pollo” , dove un saldatore diventa una star della scena artistica internazionale, Christie era saldatore e costruttore di impalcature. Lavora con materiali che hanno molto a che fare con le sue occupazioni precedenti e le manipola fino a farle diventare oggetti astratti pieni di forza.
La galleria italiana Poleschi Arte Contemporanea ha esposto lavori di diversi artisti italiani. Tra i molti, due nomi in particolare ci sembrano degni di essere ricordati: Daniele Galliano e Gian Marco Montesano. Quella all’Art Forum non é stata la loro prima visita a Berlino: avevano già esposto alla galleria Davide Di Maggio nella bella ed interessante mostra “Bianco e Nero Italiano”.

www.antonioferrara.com
www.monteclark.com
www.galeriefrank.com
www.galerie-anselm-dreher.com
www.claudiopoleschi.com

Testo: M. Cecchinato
E-mail: micaela@artfacts.net
Traduzione: Viviana Chilese
E-mail: viviana@artfacts.net
  • ArtFacts.Net- il tuo fornitore di servizi nel mondo dell'arte

    Sin dal 2001, ArtFacts.Net™ ha sviluppato un sofisticato database attraverso la collaborazione con gallerie, musei, fiere d’arte ed associazioni di galleristi nazionali ed internazionali.