Language and login selector start
lingua
Deutsch
English
Español
Français
Italiano
Language and login selector end

FUTURA, per arricchire la scena artistica di Praga

Praga. Capitale della Repubblica Ceca. Praticamente su quella forzosa frontiera dove, in passato, l'Ovest smetteva d'esistere per lasciar spazio all'Est. Sin dalla caduta del muro di Berlino, una fra le più amate città europee. Interessante, affascinante, incredibilmente bella, estremamente ricca in cultura ed arte. E questi non sono che alcuni dei commenti che si sentono continuamente su Praga. Sembra che la città sia riuscita a stregare indistintamente tutti i turisti che l' hanno visitata. Alcuni addirittura non tornano a casa. Nei quindici anni trascorsi dalla disintegrazione del blocco sovietico, migliaia di stranieri hanno fatto di Praga la loro città adottiva. Pare che a Praga un abitante su dieci sia straniero.
Ad Alberto Di Stefano, Eugenio Percossi, Camille Hunt e Marisa Ravelli-Prihodova (rispettivamente, due italiani e due americane) è probabilmente successa la stessa cosa. Quando si sono conosciuti meno di due anni fa, hanno scoperto di avere due importanti caratteristiche in comune: tutti e quattro vivevano a Praga, tutti e quattro si interessavano seriamente all'arte. Si sono posti immediatamente un obiettivo comune: riempire, nella scena artistica di Praga, il crescente vuoto creatosi fra piccole gallerie commerciali e grandi istituzioni e, allo stesso tempo, introdurre un approccio multidisciplinare alle arti in una città dove le relazioni fra le varie discipline sembrano essere piuttosto tese. L'idea era riuscire a dar vita ad un centro per l'arte che potesse ospitare anche eventi speciali. E nel giugno del 2003 nasce FUTURA, un centro per l'arte contemporanea nazionale ed internazionale senza scopo di lucro.



Il piano terra di FUTURA, con il suo originale aspetto di cantina
courtesy FUTURA

FUTURA si trova a dieci minuti dal centro di Praga, in un quartiere chiamato Smichov. La sua sede era una vecchia fabbrica che è stata sottoposta a grosse ristrutturazioni. Indipendentemente dai grossi lavori che ha richiesto, i quattro fondatori di FUTURA si sono trovati subito d'accordo nel considerarla lo spazio ideale per il loro progetto. Nella grezza disposizione che il vecchio edificio originariamente offriva, i quattro hanno potuto intravedere ciò che sarebbe diventato il segno distintivo di FUTURA: un'originale combinazione di sale espositive nello stile di un tipico 'white cube' e degli spazi che ricordassero delle cantine. Oggi FUTURA gode di 800m² divisi in tre piani. Al piano terra si trovano queste originali cantine (e, se tutto è andato in porto nei tempi comunicati, anche un negozio di libri e un bar) dove vengono generalmente esposti giovani artisti più inclini alla sperimentazione; ai piani superiori si trovano le Hall I e II, sale espositive dall'aspetto più classico, caratterizzate da una luce naturale molto chiara e riservate ad artisti più conosciuti.



Hall I: uno dei due spazi espositivi dei piani superiori dall'aspetto tipicamente 'white cube'
courtesy FUTURA

Quest'anno, e per la prima volta, FUTURA ha partecipato all' Armory Show (New York, dal 12 al 15 marzo) per dare a conoscere ad un pubblico più vasto i suoi obiettivi, descritti come segue nella sua dettagliata brochure: "Il nostro traguardo è creare un legame fra l'arte contemporanea ed il grande pubblico, facilitare il dialogo fra le differenti discipline dell'arte e della cultura. FUTURA lavora al fine di diventare un importante partner all'interno della comunità artistica internazionale e cerca la collaborazione di gallerie, istituzioni ed artisti stranieri. Riteniamo che l'arte contemporanea, quale unico linguaggio universale, possa contribuire positivamente alla comprensione fra popoli e culture diverse".



Vista aerea delle proprietà del Castello Trebesice
courtesy FUTURA

Dal 2003, FUTURA offre anche il 'Castle Trebesice Artists-in-residence Programme', un programma che si terrà ogni estate presso questo castello rinascimentale, totalmente restaurato, alle porte di Kutná Hora, una cittadina ad un'ora da Praga. L'obiettivo è incoraggiare lo scambio fra artisti e professionisti del mondo dell'arte. FUTURA punta ad estendere questo programma aprendolo ad altre organizzazioni attive nella scena artistica internazionale per lavorare, in futuro, ad attività comuni.

www.futuraprojekt.com

Testo e Traduzione: M. Cecchinato
E-Mail: micaela@artfacts.net
  • ArtFacts.Net- il tuo fornitore di servizi nel mondo dell'arte

    Sin dal 2001, ArtFacts.Net™ ha sviluppato un sofisticato database attraverso la collaborazione con gallerie, musei, fiere d’arte ed associazioni di galleristi nazionali ed internazionali.