Language and login selector start
lingua
Deutsch
English
Español
Français
Italiano
Language and login selector end

Intervista a Stephen Cohen - direttore di Photo L.A. e Art. L.A.


Stephen Cohen

Dal 19 al 22 gennaio si celebra a Los Angeles la quindicesima edizione di Photo L.A., una delle fiere piú importanti dedicate a questo mezzo in U.S.A, con piú di 70 galerie participanti. Una settimana piú tardi, altrettante galerie torneranno a occupare l’ Auditorio di Santa Monica a motivo di Art LA, fiera dedicata al video, all’arte digitale e ai mixed media. Entrambe le manifestazioni, organizzate da Stephen Cohen– gallerista di Los Angeles, che non é il famoso direttore del hedge funds- cercano di proporre questa cittá, ingustamente relegata nella mappa del mondo dell’ arte, che raramente si allontana da New York.

1. Come descrive la scena artística di Los Angeles?
La scena artística di Los Angeles é vibrante e in crescita. La zona attrae sempre piú artisti che decidono poi di vivere e lavorare qui. Per questo, molti collezionisti e curatori vengono a loro volta a Los Angeles per fare nuove scoperte.

2. Cosa manca a Los Angeles?
Servirebbe un maggior appoggio da parte della scena locale, cosí come un maggior impegno da parte dei musei locali. Le collezioni dovrebbero essere piú proattive e attente. La scena artistica é quasi un segreto per molti a Los Angeles, che non sanno cosa si perdono.

3. Cosa offre questa fiera ai visitatori e galleristi partecipanti? C’é differenza con le altre fiere?
Questa fiera é un mercato dove poter vedere e acquistare arte da una settantina di gallerie. È un’opportunitá per vedere la migliore arte contemporanea attualmente prodotta. E nel caso di Art L.A., che é una fiera nuova, viene offerta una buona porzione di arte contemporanea nei nuovi lavori per una lista importante di espositori. Si tratta di una fiera molto familiare in quanto non molto grande e riservata principalmente a visitatori e collezionisti. Ci saranno 25 gallerie dal sud della California, cosí che i loro visitatori avranno una buona immagine di ció che si sta producendo a Los Angeles.



Lalla Essaydi


4. Come vengono selezionate le gallerie partecipanti?
Esiste un comitato che visiona le richieste degli espositori, e le gallerie sono quindi scelte secondo un criterio di qualitá artistica oltre che di confermata celebritá in questo campo. Una buona combinazione tra gallerie americane ed europee.

5. Si aspetta molte vendite?
Le vendite figurarono eccellenti l’anno passato e ci auguriamo lo stesso e piú per il 2006. Il mercato dell’arte contemporanea sta crescendo a passi giganti. Il valore delle opere é compreso tra i 500 e i 100000 dollari, cosí che alla fine ognuno avrá qualcosa.

6. Non crede che il mercato dell’ arte sia surriscaldato?
Credo che alcuni articoli messi all’asta ricevano molta attenzione. Si sta collezionando molto, a tutti i livelli, peró credo che ancora si possa crescere. C’é una grande quantitá d’ottima arte a prezzo razionale.

7. Ci sono troppe fiere?
Probabilmente, peró attualmente sembra questo il cammino da percorrere. Avremo una selezione naturale l’anno prossimo. Il numero di gallerie buone é finito, e non si puó passare un anno intero in costante movimento. Forse il mercato cambia e in futuro avremmo meno gallerie aperte al pubblico e piú dedicate alla vendita privata e alle fiere. In nessun modo peró le fiere sono un’alternativa alle case d’aste.

8. Che ruolo gioca Internet nel mondo dell’arte?
Internet é un grande strumento per scovare informazioni. Quante piú informazioni possiede un collezionista, tanto meglio potrá prendere decisioni riguardanti gli acquisti per mezzo di gallerie, casa d’aste o fiere.

Intervista: Raúl Martínez
Traduzione: Beatrice Dematte'
  • ArtFacts.Net- il tuo fornitore di servizi nel mondo dell'arte

    Sin dal 2001, ArtFacts.Net™ ha sviluppato un sofisticato database attraverso la collaborazione con gallerie, musei, fiere d’arte ed associazioni di galleristi nazionali ed internazionali.