Language and login selector start
lingua
Deutsch
English
Español
Français
Italiano
Language and login selector end

Art Moscow 2006


Entrance to the 10th Moscow Art fair

Quest'anno l'Art Moscow festeggia il suo decimo anniversario, costituendo ormai in Russia una storia di successo. A Mosca, capitale del nazione più grande nel mondo, l'arte contemporanea è una realtá ancora piccola ma in costante sviluppo. La città è un Moloch, i punti d'arte non sono così diffusi come i piccoli giardini verdeggianti. Tuttavia la scena artistica è caratterizzata da un gran fermento, essendo ben consapevole che c'è ancora molto lavoro da fare. I primi anni delle esposizioni dell'art Moscow avevano come obiettivo la mediazione fra una società orientata al consumo e l'interesse per l'arte contemporanea. Nel giro di pochi anni l'amministrazione di Art Moscow ha trasormato l'esposizione in un mercato vero e proprio, ampliando così la sua tradizionale funzione di formazione estetica ed intellettuale. Sembra proprio che Art Moscow stia riuscendo a bilanciare con successo il proposito educativo ed quello commerciale. Abbiamo fatto una lunga intervista con Vassily Bychkov, direttore della confederazione internazionale dell'unione degli artisti e direttore generale dei progetti espositivi di Expo-Parco, riguardo al suo approccio con l'arte. Potete inoltre trovare delle dichiarazioni divertenti dei galleristi alla fine di questo articolo.


Interview Artfacts and Expo Park
Marek Claassen, Director Artfacts.Net in discussion with Vassily Bychkov, Director of Art Moscow

AfN: Il sig. Bychkov, com'è approdato al mondo artistico?

Sig. Bychkov: Be', ho studiato architettura e provengo da una famiglia con un background artistico. Ho cominciato la mia carriera come designer. Designer di processi e spazi espositivi. Dopodichè, a metà degli anni novanta, ho inziato ad interessarmi dell'organizzazione di mostre ed, avendo interessi artistici, mi concentrai subito sulla fiera Art Moscow .

AfN: Quante fiere di Art Moscow ha organizzato? Questa é la decima. Le ha organizzate tutte lei?

Sig. Bychkov: Organizziamo quindici progetti espositivi all'anno.

AfN: Quindici?

Sig. Bychkov: Quindici, sì. Questa è Art Moscow: una mostra di architettura e design, con il suo relativo salone di oggetti d'antiquariato, una fiera per la letteratura di alta qualità, una fiera del libro antico, una fiera di design e pubblicitá, una fiera di design commerciale...

AfN: Quindi é il direttore di ogni fiera che si svolge qui?

Sig. Bychkov: Sì e anche di altre.

AfN:È scritto sul suo Web site?

Sig. Bychkov: Sì.

AfN: Pravda ha scritto nella sua versione inglese: "l'obiettivo principale della fiera non è vendere le opere d'arte, ma istruire i collezionisti in Russia". Quest'anno avete organizzato un congresso chiamato: "Arte e formazione". Qual è lo scopo di questa formazione estetica?


Sig. Bychkov: Per alcuni anni la fiera Art Moscow è stata una fiera multifunzionale. La funzione della fiera era la formazione, formazione sull'arte contemporanea in Russia. Negli ultimi anni l'Art Moscow è diventata la prima di tutte le fiere per quanto riguarda le vendite d'arte contemporanea. Le vendite alla fiera sono in costante aumento, raddoppiano ogni anno. Ma la fiera Art Moscow è ancora un progetto molto importante nella sfera dell'arte perchè noi ed i nostri soci stiamo facendo del nostro meglio per promuovere programmi formativi durante la fiera. L'obiettivo principale è la formazione nella sfera artistica ed è in questo ambito che noi e i nostri soci stiamo spendendo molta energia. Ad esempio quest'anno abbiamo un nuovo socio, Interros, un programma editoriale. Un socio molto importante. Organizzano un congresso speciale sulla formazione artistica. Ciò è molto importante perché è uno dei problemi principali del nostro mercato è la formazione. Tutti, voglio dire, sia le gallerie, sia le istituzioni culturali hanno bisogno di persone nuove, nuovi artisti, nuovi curatori, nuovi esperti in diversi campi dell'arte contemporanea. È molto importante. Ora abbiamo un mercato che è leggermente piÚ strutturato rispetto agli anni novanta. La struttura del mercato russo dell'arte è definita dal livello delle gallerie. Abbiamo gallerie di livello superiore- circa 10 gallerie - ed altre gallerie e non tutte le gallerie sono rappresentate alla fiera dell'Art Moscow. Abbiamo alcuni nomi di artisti famosi e alcuni rappresentanti della stampa che sono abbastanza qualificati per poter scrivere in maniera autorevole sugli eventi e le gallerie. Tutte queste fiere devono essere organizzate da persone maggiormente qualificate.

AfN: Per accedere all'Art Moscow si passa davanti ad un dipinto di Georgy Ostretsov, di circa 200 metri quadri in stile manga, che rappresenta la battaglia fra gli artisti russi . Questo dipinto si riferisce a personaggi ed opere chiave della scena artistica russa, mentre combattono l'uno contro l'altro. Su tutto un altro fronte, Aidan Salakhova ha consigliato generosamente ai collezionisti russi di comprare dalle gallerie straniere. Come possono combinarsi questi due elementi?

Sig. Bychkov: Non sono abbastanza competente per commentare questo dipinto, ma Georgy Ostretsov è un artista abbastanza conosciuto in Russia e questo dipinto è dedicato al giubileo del decimo anno della fiera Art Moscow. Rappresenta la situazione del mercato in questi dieci anni e gli attori del mercato in Russia possono capirne il significato. Il dipinto intendeva essere chiaramente uno scherzo, è grottesco ed ovviamente non ha propositi realistici.

Press Conference
Press Conference

AfN: Sì ma da un lato avete questo combattimento che si svolge sulla scena artistica,dall'altro Aidan che va a trovare i collezionisti consigliando loro: Compra da questa galleria! - senza prendere nessuna commissione. Normalmente, ad esempio all'interno delle gallerie tedesche, c'è sempre una grande lotta come tra le gallerie russe e gli artisti. Ognuno combatte contro l'altro. Poi arriva Aidan, erige un ponte ed invita tutti. Hey vieni, compra dell'arte da altre gallerie, dai miei concorrenti. Così avete da un lato una lotta nterna, ma dall'altro accolgiete gli altri a braccia aperte. È questo quello che fa?

Sig. Bychkov: Naturalmente il commercio è competitivo e le gallerie qui rappresentate sono concorrenti tra di loro. Ma allo stesso tempo tutti sono interessati all'attenzione pubblica e, per attrarre questa attenzione nel pubblico, ma anche nelle altre gallerie, la fiera è sicuramente un punto di partenza e il percorso più appropriato. Come sa, provano ad attrarre i visitatori nel punto in cui si svolge l'azione e ci sono altri concorrenti.

AfN: Parliamo di formazione e mercati. Nel 2004 le vendite principali sono state due lavori di Ilya Kabakov, di prezzo molto elevato. Nel 2005 le vendite hanno superato i due milioni di dollari negli Stati Uniti e si sono differenziati così bene da poter disegnare le statistiche sul rapporto delle vendite straniere e nazionali delle gallerie. Se provaste a disegnare una linea futura, vedreste che anche il mercato russo è competitivo - diciamo il mercato dell'Asia?

Sig. Bychkov: Il mercato russo dell'arte è in crescita. I centri principali dell'arte sono l'America ed Europa. La Russia si svilupperà parallelamente con il mercato europeo d'arte e crescerà.

AfN: Secondo me la qualità dei lavori esposti in questa fiera è cresciuta drasticamente. Lo pensa anche lei?

Sig. Bychkov: Be', lo dicono anche i galleristi, i critici ed i collezionsiti d'arte. Qundi, sono d'accordo. Uno dei motivi è il gran numero di gallerie straniere presentate alla fiera. Abbiamo gallerie dalla Cina, dall'America e dall'Europa. E l'altro motivo è il lavoro del nostro consiglio di esperti. Hanno avuto 150 domande e soltanto 68 domande sono state approvate dagli esperti. Secondo me l'arte presentata alla fiera non è così conflittuale, non così aggressiva, non così provocatoria, non così penetrante e stimolante come gli articoli d'arte che sono stati presentati in passato. Questo è dovuto alle richieste del mercato. I compratori dell'Art Basel vogliono vedere articoli come questi. Questo non è male.

Art Moscow Ostretsov
Detail of 200 square meter painting from Georgy Ostretsov

AfN: [ride]

Sig. Bychkov: Sono dispiaciuto della riduzione del livello di sfida e radicalismo presentato alla fiera - come organizzatore della fiera.

AfN: Nel settore no-profit della fiera ho visto numerose installazioni ma le installazioni artistiche e video non giocano nessun ruolo ai fini del mercato. Perchè video e installazioni sono un tema così importante per lei?

Sig. Bychkov: La video art naturalmente è un prodotto per i musei e per le installazioni nelle gallerie e non viene acquistata spesso dai collezionisti privati. Ma ha un grande potenziale e alla Biennale di Venezia ed al Documenta potete vedere quale posizione di gran rilievo occupa la video art nel mondo dell'arte. E naturalmente L'Art Moscow è un evento e deve essre aggiornata e presentare la video art.

AfN: La fiera ARCO a Madrid invita ogni anno un paese partner ed invita le gallerie di quel paese in condizioni particolari. Avete copiato questa idea dando allo stato tedesco della Nordrhein-Westfalen una simile presentazione?

Sig. Bychkov: No, non abbiamo copiato l'ARCO. Abbiamo discusso questo punto con il consiglio di esperti, ma non lo faremo regolarmente, per vari motivi. Uno dei motivi principali forse è che non sentiamo una tale energia da parte dei paesi stranieri e qunidi non stiamo andando in quella direzione. Per quanto riguarda la presentazione delle gallerie tedesche, le ragioni non sono nè economiche, nè ideologiche. Quindi è ben diverso dalla mostra di Madrid.
br clear=all>
Impression of Aidan booth
Impression of Aidan booth

AfN: Ultimo grande tema! L'organizzazione. I lotti delle opere d'arte non sono arrivati per l'evento speciale del 16 maggio. Alcune gallerie hanno ricevuto alcuni lavori durante l'apertura ufficiale del 17. Oggi è il 18 e vedo ancora degli operai che installano degli oggetti. Questo può essere visto come un approccio all'arte FLUXUS oppure significa che ci sono dei problemi?

Sig. Bychkov: [ride] Il 16 maggio abbiamo avuto un pre-party. Era un party speciale per i collezionisti. Vedono il lavoro e vedono il periodo di copertura. È un'azione strategica, in modo che abbiano l'illusione di partecipare al processo e che nessuno prima di loro abbia visto le opere d'arte presentate alla fiera. Il 17 maggio ci possono essere stati alcuni problemi tecnici, ma è stata anche un'idea di alcuni artisti di mostrare al pubblico come lavorano.

AfN: Avete un motto personale o uno slogan?

Sig. Bychkov: Non ho uno slogan. Ma la nostra azienda ha un chiaro intento, che suona all'incirca: Miglioriamo il potere intellettuale della Russia nel contesto internazionale. Questa è la nostra missione per le varie fiere.

AfN: Sig. Bychkov, grazie per l'intervista.

Sig. Bychkov: Prego!

AfN: La formazione è un tema importante.

Sig. Bychkov: Oggi ho avuto una specie di incontro con il Kommersant Daily, una riunione con i capi di diversi reparti. Uno di loro, Alexey Tarkhanov, ha detto: Guardi, sono un uomo d'affari e sua moglie ( si riferiva a me a mia moglie). Devono fare del commercio ma sono idealisti.

AfN: [ride]

Sig. Bychkov: Parlano dei problemi del mercato dell'arte, dell'architettura, dell'arte e probabilmente il vero problema è che il nostro commercio non è vantaggioso, ma è comunque molto importante perchè rispecchia la Russia. Lei sa cos'ha detto ieri il sig. Guelman nella conferenza stampa. Il costo di un Picasso è, per esempio, intorno a 80 billioni di dollari negli Stati Uniti...

AfN: Diciotto?

Sig. Bychkov: Ottanta. È uguale al valore di tutto il nostro Gazprom, per esempio.

AfN: Sì, sì. Tutti conoscono Gazprom. È il terzo più grande al mondo.

Sig. Bychkov: È molto importante valorizzare tutto il nostro patrimonio intellettuale; compresa l'arte, compresa l'architettura e i libri, per poter essere competitivi in un contesto internazionale. Questo non è possibile se si pensa soltanto al commercio.

Special Event
Special Event in the Ekaterina Cultural Foundation booth

AfN: Ecco perchè normalmente il governo dà fondi e sovvenziona l'arte, voi invece lo fate come imprenditore. C'è una differenza enorme, quando lo fa un'inetera nazione o quando lo fa una piccola impresa, non si può spiegare veramente che sforzo enorme sia. Il suo lavoro è importantissimo perché lo fa anche per lo stato, non solo per lei. Significa pensare in prospettiva di decenni, per poter cambiare la Russia, oppure riportarla a quello che è stata, all'arte di periodi precedenti. Non è cosa da poco, voglio dire, questa impresa è veramente grande. Ma dal mio punto di vista la creatività c'è. Per essere onesto stavo pensando: OH, devo ritornare a Mosca [tutti ridono] e quando sono arrivato ero - wow - molto impressionato. Veramente, perché viaggiamo molto in Cina negli ultimi tempi e loro si evolvono così velocemente e io ho pensato: i Russi non sono da meno [tutti ridono di nuovo]. Ma no, è diverso, io sono comunque molto curioso di vedere cosa succederà l'anno prossimo.

Sig. Bychkov: Ci rivediamo.


Guelman Gallery (Mr. and Ms. Guelman)
Guelman Gallery (Mr. and Ms. Guelman)

AfN: Da quanto tempo partecipate all'Art Moscow?

Sig. Guelman: Da nove anni. Il primo anno della fiera era decisamente diverso da adesso, di vecchio stile e con una concorrenza spietata. È soltanto da circa tre o quattro anni che la fiera è diventata commerciale e ragionevole.

AfN: Come pensate che si andrà sviluppando la fiera?

Sig. Guelman: Penso che si svilupperà in maniera interessante. Sono soddisfatto delle gallerie internazionali che partecipano alla fiera, per discutere e cercare di risolvere i nostri problemi.

AfN: Ritornerete l'anno prossimo?

Sig. Guelman: L'anno scorso è stato fantastico. Abbiamo venduto molto bene. Era enorme. Quest'anno abbiamo venduto bene e abbiamo lavorato su una rete più ampia. Abbiamo organizzato sei cooperazioni, un'esposizione di gruppo per un museo importante, cinque mostre personali con i nostri artisti in gallerie di tutto il mondo. Quindi posso concludere che sono soddisfatto e che ritornerò il prossimo anno.


Paul Judelson
I-20 (Paul Judelson)

AfN: Quante volte avete partecipato all'Art Moscow?

Sig. Judelson: Questa è la nostra seconda volta.

AfN: Come pensate che si andrà sviluppando la fiera?

Sig. Judelson: Credo che la fiera sia proiettata costantemente in avanti. Vorrei vedere le gallerie occidentali e non soltanto quelle tedesche. Ho sempre avuto un rapporto speciale con la Russia, sto lavorando da molto tempo con due artisti russi, Sergej Bugaev (Africa) e... La spedizione era la parte più costosa della fiera e spero che venga organizzata meglio il prossimo anno.

AfN: Ritornerete l'anno prossimo?

Sig. Judelson: Dipende dal bilancio delle vendite a fine giornata.



Christa Schübbe
Christa Schübbe of Galerie Christa Schübbe

AfN: Quante volte avete partecipato all'Art Moscow?

Sig.ra Schübbe: Due volte. Quest'anno e l'anno scorso.

AfN: Come pensate che si andrà sviluppando la fiera?

Sig.ra Schübbe: Credo fermamente che la fiera sia in continuo miglioramento. La gente è più interessata e curiosa e penso che il terzo piano si sia sviluppato dall'anno scorso.

AfN: Ritornerete l'anno prossimo?

Sig.ra Schübbe: Sì, naturalmente. Penso che sia un paese delle grandi sfide, come la Cina.


Capirce Horn
Caprice Horn of Galerie Caprice Horn

AfN: Quante volte avete partecipato all'Art Moscow?

Sig.ra Horn: Questa è la mia prima volta.

AfN: Che cosa pensate della fiera?

Sig.ra Horn: Sono rimasta molto sorpresa. Quanto sia stata ben realizzata lo dimostra il fatto che tutti stanno dicendo che la fiera ha fatto grandi passi in avanti.Sicuramente meglio di quanto avessi previsto.

AfN: Ritornerete l'anno prossimo?

Sig.ra Horn: Sì, vorrei ritornare.


Vladimir Frolov
pARTner Gallery (Vladimir Frolov)

AfN: Quante volte avete partecipato all'Art Moscow?

Sig. Frolov: Questa è la mia seconda volta.

AfN: Che cosa pensate della fiera?

Sig. Frolov: Mi piace e credo che migliori ogni anno. C'è più gente interessata, più critici d'arte. E penso che la fiera stia raggiungendo un livello internazionale.

AfN: Ritornerete l'anno prossimo?

Sig. Frolov: Sì, ritornerò l'anno prossimo.


Karine Fenina
Ekatherina Iragui (Karine Fenina, Assistant)

AfN: Quante volte avete partecipato all'Art Moscow?

Ms Fenina: Questo è il nostro terzo anno.

AfN: Come pensate che la fiera si andrà sviluppando?

Ms Fenina: Penso che stia diventando sempre più professionale. Non per la quantità, ma per la qualità delle persone.

AfN: Ritornerete l'anno prossimo?

Ms Fenina: Ieri abbiamo venduto bene. Quindi siamo soddisfatti della fiera e ritorneremo sicuramente l'anno prossimo.


Gary Tatintsian
Tatintsian Gallery (Gary Tatintsian)

AfN: Quante volte avete partecipato all'Art Moscow?

Sig. Tatintsian: Questa è la mia seconda volta.

AfN: Come pensate che si andrà sviluppando la fiera?

Sig. Tatintsian: Penso che si stia sviluppando nella direzione giusta.

AfN: È ciò che avevate previsto?

Sig. Tatintsian: Molto meglio di quanto pensassi.

AfN: Ritornerete l'anno prossimo?

Sig. Tatintsian: Assolutamente. E sarò qui anche nel 2026 [ride ]

www.expopark.ru/EN/ART_Moscow.shtml

  • ArtFacts.Net- il tuo fornitore di servizi nel mondo dell'arte

    Sin dal 2001, ArtFacts.Net™ ha sviluppato un sofisticato database attraverso la collaborazione con gallerie, musei, fiere d’arte ed associazioni di galleristi nazionali ed internazionali.