Language and login selector start
lingua
Deutsch
English
Español
Français
Italiano
Language and login selector end

Mostra personali: Günter Umberg. Pittura come corpo e pensiero (terminata)

16 Maggio 2013 fino al 16 Luglio 2013
  Günter Umberg. Pittura come corpo e pensiero
Günter Umberg
'Territorium 22, 2013, 2013'
(dettaglio)
A arte Studio Invernizzi, Milan, 2013
Photo Bruno Bani, Milan
 
  A arte Invernizzi

A arte Invernizzi
Via Domenico Scarlatti 12
20124 Milano
Italia (mappa della città)

Inviare E-mail
tel +39 02 29 40 28 55
www.aarteinvernizzi.it


La galleria A arte Studio Invernizzi inaugura giovedì 16 maggio 2013 alle ore 18.30 una mostra personale dell’artista tedesco Günter Umberg. Dopo le precedenti mostre tenutesi in galleria a partire dal 1996, anche in questa occasione l’artista ha specificamente ideato un percorso espositivo in cui il “corpus” di opere è pensato in relazione allo spazio espositivo.

Attraverso un coerente percorso artistico, Günter Umberg interpreta e indaga in modo strettamente personale il tema del monocromo e le sue opere acquisiscono lo “status” di entità pienamente corporee, condizioni concrete e attuative, inserendosi pienamente nel contesto del reale e dell’esperienza vissuta.
Nella prima sala del piano superiore verrà esposta l’opera “Territorium 20A, 2012, 2013”, costituita da sei lavori ordinati e disposti dall’artista sulle pareti per creare uno spazio definito e adatto all’esperienza percettiva, creando una connessione dialogica tra i lavori stessi, la stanza e lo spettatore, che viene chiamato a interagire e divenire parte attiva.
Nella seconda sala dello stesso piano verrà esposto, per la prima volta in Italia, un gruppo di opere del 1976, fogli di carta trasparente immersi in pigmenti puri miscelati con cera o paraffina, sui quali l’artista ha praticato dei fori.
Al piano inferiore della galleria, secondo un intenso procedere dialogico con quanto esposto nelle sale precedenti, saranno presentati Territorium 22, 2013, 2013 ed alcuni lavori recenti, caratterizzati da intense cromie.
“Il monocromo per Umberg” come scrive Paolo Bolpagni “è energia viva e pulsante, condizione e luogo d’infinite possibilità: è come il punto che tutto racchiude ‘in nuce‘ e in potenza, entità adimensionale originaria (‘ursprünglich‘), dove però già è presente la totalità. Non è casuale ch’egli ami citare un episodio della vita di Bernardo di Chiaravalle, il quale, interrogato una volta sul concetto che aveva di Dio, rispose: ‘Altezza, lunghezza, larghezza, profondità’. Non si vuole affermare con ciò che vi siano necessariamente in Umberg istanze trascendenti o metafisiche, ma semmai che le caratteristiche in cui il santo medievale riassumeva l’idea dell’Ente Supremo sono il nucleo stesso della nozione di pittura da lui sviluppata; una pittura che ha nella monocromia il proprio compimento e la ragione ultima”.

In occasione della mostra verrà pubblicato un catalogo bilingue con la riproduzione delle opere esposte, un saggio introduttivo di Paolo Bolpagni, una poesia di Carlo Invernizzi e un aggiornato apparato bio-bibliografico.

  • ArtFacts.Net- il tuo fornitore di servizi nel mondo dell'arte

    Sin dal 2001, ArtFacts.Net™ ha sviluppato un sofisticato database attraverso la collaborazione con gallerie, musei, fiere d’arte ed associazioni di galleristi nazionali ed internazionali.